Santobuono: "Fermarsi è stata una scelta difficile. Siamo una grande squadra"

06-05-2021 16:37 -

Dopo Filippo Catenacci, anche Mirko Santobuono ha deciso di non ripartire con i compagni in questo nuovo format del Campionato di Eccellenza. Il “Dogo” abbandona temporaneamente la truppa alla sua terza stagione in maglia granata. Arrivato in alta Valle Staffora nel Luglio 2018, il centrocampista ha perso in pratica quasi tutta la prima stagione per un brutto infortunio al ginocchio. Nella scorsa annata è stato tra i protagonisti del salto dalla Promozione all'Eccellenza. Prima della sospensione di metà Ottobre per l'ordinanza regionale, Santobuono aveva collezionato alcune presenze da titolare, confermandosi sempre elemento importante per questo gruppo. Ora, pero', la scelta di fermarsi.

Il “Dogo” spiega così: “Si tratta di una decisione presa esclusivamente per motivi lavorativi. Effettuare un tampone a settimana rappresenta infatti un rischio per se stessi e per l'azienda. Non potevo quindi riprendere per questi due mesi. Aspettiamo la prossima stagione, sperando che procedano velocemente le vaccinazioni, ed evitando allo stesso tempo i tamponi settimanali. Infatti il mio non è affatto un addio al calcio, mi sento di poter dare ancora qualcosa. In quest'ottica mi sono sempre allenato da solo, e continuerò anche nei prossimi mesi”.

Defilarsi, anche se temporaneamente, dal calcio non è mai una scelta facile. Ad ogni modo, Santobuono non ha mai smesso di essere vicino alla squadra. A Varzi, in questi anni, si è formato qualcosa di grande. “Sento sempre i ragazzi e cerco di essere presente alle partite per sostenerli da vivo – commenta il centrocampista -. La vittoria contro il Sangiuliano ha dimostrato che siamo una grande squadra. Certo, gli avversari hanno disputato una buonissima ripresa, confermandosi compagine forte e blasonata, ma non è mai facile difendersi in maniera ordinata e portare a casa il risultato. I tre punti sono l'unica cosa che conta. Alcuni innesti del mercato sono stati azzeccatissimi e sembra che giochino a Varzi da una vita. I ragazzi in campo sanno cosa fare, poi il gruppo è forte e compatto, e questo fa la differenza”.

Alla prima stagione di Eccellenza il Varzi sta pian piano ottenendo dei consensi importanti. Il giocare senza pressioni, senza l'assillo, continua ad avere degli effetti importanti sulla truppa guidata da “The Specialist”. “Se contiamo, in generale, le sette partite disputate finora in campionato, abbiamo vinto cinque volte e soprattutto subìto un solo gol – conclude Mirko Santobuono -. Il Varzi non è più un'outsider, come definito a più riprese sia a Settembre che all'inizio di questo format. Parliamo di una squadra che gioca per la vetta della classifica da quattro anni a questa parte. Nel dna della società c'è la vittoria, il puntare in alto. Del resto, basta conoscere il Presidente, il Dottor Fabrizio Catenacci, Mister Pagano e i Dirigenti, tutte persone sempre ambiziose. La squadra è forte e compatta, e soprattutto sa divertirsi, dentro e fuori dal campo, grazie anche a Mister Pagano. Abbiamo costruito insieme il giusto mix per fare calcio in maniera ottimale”.


Fonte: Addetto Stampa